The Sleazy Footworks EP

by La Parola Persa

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

      €5 EUR

     

1.
2.
04:20
3.
4.
5.
03:21
6.

credits

released February 29, 2012

tags

license

all rights reserved

about

La Parola Persa Roma, Italy

La Parola Persa è un collettivo di musicisti e artisti attivo sulla scena di Roma dal 2006.
La band rigetta costantemente qualsiasi etichetta di genere, fino a definirsi de-genere, scrivendo musica con un approccio eclettico e libero da schemi prestabiliti, di stampo tendenzialmente zappiano. ... more

contact / help

Contact La Parola Persa

Streaming and
Download help

Track Name: 'Na Ballata a Magliana
NA BALLATA A MAGLIANA (testo di Giorgio Tebaldi)

Sti palazzi so vallate de cemento addò pennono lenzoli che me pareno ballà
E in mezzo a sti palazzi ce sta un pino grosso e forte contr’er vento, na foresta ner giardino
Li panni appesi alle finestre so de tutti li colori e vestono Arlecchino a carnevale
E piccole piantine sopra ogni davanzale stanno là pe nun sentì sta puzza de Città

Su li tetti le parabole e l’antenne fanno un campo a girasoli, tutto fero e plastica
Su sti muri c’hanno scritto er vero amore, in mezzo ar calcio e le bestemmie ce sta la politica
Ce stanno certe case co e finestre sempre chiuse notte e giorno, dove er sole nun po entrà
N’aeroplano esce dar profilo de ‘n palazzo e poi chissà ndo va, e noi restamo qua
..ma penso e dico aò

Portame co te, portame co te a Magliana
Che ar sesto piano poi trovalla se lo voi puro la luna
E tu non me sai di de no perché
Sei troppo bona

La portinaia tutti i giorni butta na secchiata d’acqua e schiuma e poi se mette a chiacchierà
In gabbia c’è ‘n pappagalletto verde che sa di soltanto “ao” ma er padrone fiero ride
Li giovani bulletti che se tatuano, s’abbronzano e se tirano, fanno er paro co quer vecchio
Che pe sembrà più giovane se tinge e poi s’atteggia, ma nce pensi, quanto ridicolo te senti

Se vedono le facce de i coatti sempre serie e mpo ncazzate ma ncazzate poi de che
Se sentono e minacce de na madre mentre strilla al regazzino, e so bonarie ma sguaiate
Se mischieno li strilli dei neonati co li strilli disperati co li strilli dei tifosi,
Tante facce affacciate da uno stesso palazzone.. ma penso e dico aò

Portame co te, portame co te a Magliana
Che ar sesto piano poi trovamo se lo voi puro la luna
E tu non me sai di de no perché
Sei troppo bona

Portame co te, portame co te pe stasera
Che solo nvojo sta perché stanotte è fredda e troppo scura
Non me di mai de no perché
Sei troppo bona

Ce sta er vicino che felice canta a squarciagola le canzoni che je piaciono de più
Me pare de sta ar mare in mezzo a Roma co i gabbiani che se nvolano e io resto a naso in su
Du vecchietti dal portone escono e pe mano poi se prendono e se ‘ncamminano pe annà
Sulla panchina che sta dietro l’angolo all’ombra de mbell’arbero … a vede er monno Girà

Ce stanno l’inquilini ar primo piano che guardando l’ultimo, vorrebbero sta là!
Pe sentisse un poco più mportanti e finalmente vede sti tetti de città
E l’inquilini dell’ultimo piano, guardando quelli ar primo, vorrebbero sta là
Pe non sentisse così tanto soli e vede da vicino… Er monno che sta a fa
Ah ah …. Ma penso e dico aò

Ma la bellezza poi trovalla se lo voi pure a Magliana
Lo schifo e la pietà te fa dimenticà che c’è la luna
Nun te fa ngannà, non è così lontana

Ma facce caso che nelle pozzanghere de Magliana
L’ho visto e te lo giuro, l’ho visto pe davero
L’arcobaleno